Minibond

Per fronteggiare la crisi economica e gli effetti del credit-crunch, il Decreto Sviluppo del 2012 ha introdotto nell'ordinamento italiano la possibilità per le piccole e medie...

LEGGI TUTTO

 

Management per ecclesiastici

Papa Francesco ha ricordato che «come l’amministratore fedele e prudente ha il compito di curare attentamente quanto gli è stato affidato, così la Chiesa è consapevole della responsabilità...

LEGGI TUTTO

2018.08.02 - Il Presidente del Consiglio dei Ministri, Prof. Giuseppe Conte, ha decretato il riconoscimento del titolo di commendatore di Angelo Paletta, facente parte dell'Ordine Equestre del Santo Sepolcro di Gerusalemme. Il decreto presidenziale è stato controfirmato dal Segretario Generale della Presidenza del Consiglio dei Ministri e dal Direttore dell'Ufficio del Cerimoniale di Stato e per le Onorificenze e l'atto è stato trascritto nella pagina n. 11323 dei Registri dei Decreti degli Ordini Equestri Pontifici conservati nell'Archivio dell'Ufficio del Cerimoniale di Stato e per le Onorificenze.presso la Presidenza del Consiglio dei Ministri.

Con questo decreto Angelo Paletta può fregiarsi del titolo di commendatore nella Repubblica Italiana. La cerimonia di avanzamento di grado si è ufficialmente tenuta a dicembre 2016 nella Basilica Papale di Santa Maria Maggiore in Roma in occasione della solenne ed antica cerimonia di Veglia delle Armi e di Preghiera dell'Ordine Equestre del Santo Sepolcro di Gerusalemme. La cerimonia è stata presieduta dalle più alte autorità della Luogotenenza per l'Italia Centrale, dal Gran Priore Sua Eccellenza Reverendissima Mons. Franco Croci e dal Luogotenente Sua Eccellenza Dott. Saverio Petrillo, ed ha registrato la partecipazione di un'alta rappresentanza del Gran Magistero.

Link: Presidenza del Consiglio dei Ministri - Governo Italiano

Link: Ordine Equestre del Santo Sepolcro di Gerusalemme 

 

 

Utilizziamo i cookies per migliorare l'esperienza dell'utente e la qualità del sito. Per maggiori informazioni sui cookies e per modificare le tue preferenze clicca su leggi