Minibond

Per fronteggiare la crisi economica e gli effetti del credit-crunch, il Decreto Sviluppo del 2012 ha introdotto nell'ordinamento italiano la possibilità per le piccole e medie...

LEGGI TUTTO

 

Management per ecclesiastici

Papa Francesco ha ricordato che «come l’amministratore fedele e prudente ha il compito di curare attentamente quanto gli è stato affidato, così la Chiesa è consapevole della responsabilità...

LEGGI TUTTO

2019.06.25 - Si terrà martedì 25 giugno dalle ore 9.00 alle 15.30 nella splendida cornice del Circolo Ufficiali della Marina Militare, sito in Roma al Lungotevere Flaminio n. 45/47, il Convegno tematico “STOMIE: Sanità Militare e Sanità Civile a confronto. Dati epidemiologici ed expertise a confronto”. L’evento è promosso da Schult’z Risk Centre, gruppo leader in Italia e all’estero nell’attività di valutazione e analisi dei rischi, che lo ha realizzato in partnership con la Rete di Imprese “Finance & Risk”.

L’alto livello istituzionale del Convegno è attestato dai 18 relatori partecipanti. Tra i militari vi è il comandante della sanità interforze, Gen. Nicola Sebastiani, ed i comandanti dei Corpi sanitari: per la Marina Militare l’Amm. Mauro Barbierato; per l’Esercito il Gen. Antonio Battistini; per i Carabinieri il Gen. Vito Ferrara; per l’Aeronautica il Gen. Paolo Cialone. Sarà presente anche il Direttore dello Stabilimento Chimico Farmaceutico Militare, Col. Antonio Medica. La voce del mondo ecclesiastico è portata dal responsabile nazionale della Pastorale sanitaria della CEI, Don Massimo Angelelli. La sanità civile, invece, è rappresentata da medici delle società scientifiche e da docenti universitari.

Inoltre, sono da evidenziare i tanti patrocini ricevuti dai principali enti pubblici operanti nel settore della sanità militare e civile nonché delle più importanti società scientifiche di chirurgia e di oncologia.

Il Convegno, ad avviso del Direttore Scientifico Gen. Prof. Michele Anaclerio, «ha la finalità d’illustrare il dato epidemiologico/statistico della incidenza dei tumori al colon e al retto con successiva collocazione di stomia tra gli appartenenti alle Forze Armate e nella popolazione civile».

La specificità dell’incontro di studio, spiega il Prof. Bruno Cola in qualità di Presidente del Convegno, è quella di «incentivare il prezioso scambio di expertise chirurgica tra i professionisti sanitari operanti nell’ambito civile ed i professionisti sanitari delle strutture militari».

Durante il Convegno verrà presentata una proposta di Disegno di Legge scritta dal Prof. Luigi Pastorelli e dal Prof. Angelo Paletta che nel tempo hanno raccolto le istanze sia del personale militare, sia di tante Piccole e Medie Imprese che vogliono rafforzare la propria competitività nel mercato italiano e internazionale. La proposta del DDL è tesa a valorizzare il qualificato know how dei militari che vanno in congedo tramite il loro reimpiego temporaneo da parte di PMI italiane, utilizzando agevolazioni fiscali e previdenziali. Lo Stato italiano, infatti, ha già investito e continua ad investire importanti risorse pubbliche per migliorare la formazione ed ottimizzare le competenze degli ufficiali e dei sottoufficiali delle Forze Armate: tutto questo know how, però, rischia di disperdersi se non viene riutilizzato in ambito civile una volta che i militari vanno in congedo. Secondo le statistiche, il sistema economico italiano ha un urgente bisogno di molti più brevetti per creare valore nelle aziende: per questo motivo è sempre più utile favorire lo scambio di expertise tra i settori militare e civile, sinergia che assumerebbe un ruolo strategico che a cascata sarebbe stimolante per l’incremento del PIL e dell’occupazione, specialmente quella giovanile qualificata così da evitare la “fuga dei cervelli” e magari da diventare attrattivi per brillanti ricercatori stranieri. È comprensibile, pertanto, che il trasferimento del know how dal settore militare al settore civile può interessare molteplici campi di applicazione: dal settore medico a quello tecnologico, dal settore organizzativo a quello industriale, senza considerare le relazioni internazionali di cui possono avvantaggiarsi le PMI italiane nella competizione globale.

Invito al convegno "Stomie: sanità militare e sanità civile a confronto"

Utilizziamo i cookies per migliorare l'esperienza dell'utente e la qualità del sito. Per maggiori informazioni sui cookies e per modificare le tue preferenze clicca su leggi